Casa Corafora


Ronco sopra Ascona, Lago Maggiore, Ticino, 2004:

Il vecchio e il nuovo; il vecchio con il nuovo; il vecchio nel nuovo. La nuova costruzione abbraccia il rudere, il quale conserva e testimonia fortemente la sua storia senza dare adito a inutili mimetismi formali e stilistici. La compenetrazione volumetrica dei due edifici vuole sottolineare la crescita storica che accompagna il modus vivendi dell’uomo e delle sue costruzioni nel tempo; i ‘’vecchi’’ materiali, come la pietra ed il legno, si affiancano a quelli ‘’nuovi’’, il vetro, il metallo, in una giustapposizione coerente con il presente. La memoria storica (il rudere) diventa il fulcro attorno al quale sviluppare la progettualità (la nuova casa) del presente.